News
La Verna e il bosco delle fate La Verna e il bosco delle fate [10/11/2022]
Domenica 27 novembre. Una camminata d’autunno nei boschi dell’Appennino che dominano il Casentino e la Valtiberina. Un ambiente di rara bellezza naturalistica indissolubilmente legato alla storia francescana, tra antiche chiese romaniche,...
Emergenza alluvione Marche, missione a Cantiano Emergenza alluvione Marche, missione a Cantiano [19/09/2022]
Nel fine settimana una squadra di volontari dell’associazione ha preso parte a una missione nelle aree flagellate dalla terribile alluvione che ha coinvolto nei giorni scorsi diverse zone delle Marche e dell’Umbria.  A Cantiano, il paese...
Il nostro reportage sulla missione in Polonia Il nostro reportage sulla missione in Polonia [03/05/2022]
Korczowa. Korczowa è una piccola città polacca al confine con l'Ucraina. Qui l'autostrada porta dritta a Leopoli. Mentre ci avviciniamo alla frontiera cominciamo a vedere delle lunghe file di camion che attendono al centro logistico il loro turno....
Emergenza Ucraina Emergenza Ucraina [13/04/2022]
Nei prossimi giorni saremo in missione umanitaria sul confine tra Polonia e Ucraina dove, in collaborazione con alcune organizzazioni internazionali che operano sul posto, acquisteremo viveri e generi di prima necessità a sostegno dei #profughi ucraini....
Missione umanitaria sulla rotta balcanica dei migranti Missione umanitaria sulla rotta balcanica dei migranti [20/12/2021]
Seconda missione umanitaria in Bosnia, sulla rotta balcanica dei migranti, per i volontari di Altotevere senza frontiere Onlus. In coincidenza con la "Giornata internazionale dei migranti" (International migrants day) e a una settimana dalle...
Kosovo, inaugurato il nuovo caseificio Kosovo, inaugurato il nuovo caseificio [01/09/2021]
E' stato inaugurato nei giorni scorsi il nuovo caseificio della casa di accoglienza di Leskoc in Kosovo, sostenuta dal 2010 da Altotevere senza frontiere Onlus. --- “In Kosovo non ci sono molti tipi di formaggi, ma da qualche anno, grazie al...
Il 5 per mille ad Altotevere senza frontiere Il 5 per mille ad Altotevere senza frontiere [03/04/2021]
Anche quest'anno è possibile destinare il 5 per mille della propria imposta sul reddito ad "Altotevere senza frontiere Onlus" e sostenere così i nostri progetti di solidarietà. Basta semplicemente comunicare il codice fiscale...
#iosalvoarturo: grazie! #iosalvoarturo: grazie! [28/12/2020]
Grazie al vostro prezioso sostegno, siamo riusciti a raccogliere 3.500 euro che ci hanno consentito di riacquistare quasi tutto il materiale che ci era stato rubato, e che potremo così utilizzare di nuovo per i nostri progetti. Giunti alla fine...
Sostieni i nostri progetti Sostieni i nostri progetti [10/01/2020]
Ecco tutti i modi per sostenere i nostri progetti di solidarietà e aiutarci a crescere. DONA ORA - Bonifico bancario IBAN: IT83W0311121600000000002383 su conto corrente intestato a "Altotevere senza frontiere Onlus"Specificando nella...
Cena siriana per il Rojava Cena siriana per il Rojava [19/10/2019]
Venerdì 25 ottobre alle ore 20 abbiamo organizzato una cena di solidarietà con menu siriano per sostenere la popolazione curda del Rojava, in ginocchio dopo anni di guerre. La cena si terrà alle sale di San Michele a Città di Castello (piazza del...
Dieci anni fa Altotevere per l'Abruzzo Dieci anni fa Altotevere per l'Abruzzo [18/07/2019]
"Il segreto è che aiutando gli altri cresciamo anche noi stessi, perché la vita è questo: stare insieme, aiutarsi" Il 18 luglio 2009 terminava "Altotevere per l'Abruzzo", i due indimenticabili giorni di iniziative in favore della popolazione terremotata...
News

Scopri tutte le novità su Altotevere senza frontiere


Missione umanitaria sulla rotta balcanica dei migranti [20/12/2021]
<< Torna alle News

Seconda missione umanitaria in Bosnia, sulla rotta balcanica dei migranti, per i volontari di Altotevere senza frontiere Onlus. In coincidenza con la "Giornata internazionale dei migranti" (International migrants day) e a una settimana dalle festività natalizie, la delegazione ha visitato l'area di Bihac e di Velika Kladusa, nella Bosnia occidentale al confine con la Croazia. Qui, da circa tre anni, approda una delle direttrici della “rotta balcanica” dei migranti. Centinaia di persone provenienti da Afghanistan, Pakistan e altri paesi, in fuga dalla guerra, dalla povertà estrema e da persecuzioni politiche o etnico-religiose, rimangono bloccate per mesi - o addirittura anni - in questo piccolo lembo di terra ai confini dell’Europa. Molti di loro sono giù stati respinti più volte, spesso con le maniere forti, dopo avere attraversato i confini di Croazia, Slovenia e Italia con l’intenzione di richiedere il diritto d'asilo, “colpevoli” solo di andare in cerca di una vita migliore. Una situazione di violazione dei diritti umani poco nota, purtroppo, in Italia e negli altri paesi europei.  In collaborazione con le organizzazioni internazionali che operano direttamente in loco, Altotevere senza frontiere ha organizzato una raccolta di viveri e di fondi per acquistare materiali di prima necessità da destinare all'emergenza migranti.
Nei tre giorni di presenza sul posto i volontari hanno partecipato alla distribuzione dei materiali raccolti ai migranti nei campi di accoglienza e nelle situazioni più difficili, al di fuori dei campi ufficiali, ascoltando racconti e testimonianze toccanti. Ci sono infatti decine di migranti che vivono accampati, anche nella stagione fredda, in situazioni oltre il limite: nei boschi all'interno di tende o in edifici abbandonati senza finestre, senza servizi igienici, in mezzo alla neve e al fango. Condizioni estreme che vengono sopportate solamente nella speranza di una vita migliore in Europa. Cercano di accamparsi il più possibile vicino alla zona di confine per tentare quello che loro definiscono “the game”. Si tratta del tentativo, molto rischioso e pericoloso, soprattutto nella stagione invernale, di attraversare a piedi i confini di Croazia e Slovenia verso l'Italia e altri paesi europei. In molti hanno tentato il “game” anche decine di volte ma sono stati respinti dalle polizie di frontiera croate, slovene o italiane e riportati in Bosnia senza alcuna prospettiva, spesso privati di tutto ciò che hanno e senza la possibilità di richiedere il diritto di asilo.  E' molto probabile che la difficile situazione geopolitica attuale porti, nella prossima primavera, a una nuova ondata di migranti provenienti dall'Afghanistan, in fuga dal terribile regime dei Talebani.
In collegamento con le organizzazioni internazionali presenti sul posto, Altotevere senza frontiere organizzerà nei prossimi mesi nuove iniziative concrete di sostegno ai migranti e occasioni di sensibilizzazione, per portare l'opinione pubblica a conoscenza di questa difficilissima situazione e promuovere il rispetto dei diritti umani di chi scappa da guerre, povertà e persecuzioni.